La chiesa e la sua piazza.

CJABEOTAZ, SOČAZ!

Tratto dal libro "Tiere di cunfin" di Pre Antoni Beline.
Si ringrazia Gortani Graziano per la fornitura del documento.

Pre Carli di Cleulis al à stàt doi viaz a Cjabie. Il prin apene saltât fùr predi e il secont tornant indaûr di Stulvisse, là ch’al veve fat un biel piečut di agns. La seconde volte però al à fate pocje tele, seti pal so naturâl seti ancje parceche la mignestre riscjaldade nol è che ur vadi a duc’. Pa la cuàl al à vût ‘nant ritirasi plevan a Cleulis, tal so pais.A Cjabie la puritât no podevin concepilu. No che nol ves fat il so dovè, ma al ere dome di ofese e al maltratave saldo ancje cence merit. Il so vocabolari po al ere fûr di ogni plomp: i frutz a erin duc’ “scugnizons” e rocs; lis feminis dutis vacjs, scrovis e zingaris; i žovins duc’ becs e putanìrs; ju onps duc’ ‘resiastics, cumunisc’, danâz, cjochêi e vie. Chest par categorie; tal conples gjenerâl a erin duc’ indurmidiz e stupiz.Al è clâr che cun tun armamentari di cheste fate no si pò pratindi, in cussiense, che ti metin dopo te nicje di san Florean e nancje no ch’a vegnin vulintîr a scoltà dome ofesis e malegraciis. Cui sglavàz no si à mai cjapàt ucéi e si sta pôc a sgornâ la int ma a tirâle dongje and’ùl che mai. Un predi, po, par mistîr al vares di gloti amâr e spudà dolč. Ma lui al lave indenant pe so strade maludint, menačant, ufindint e infotansi dai Cjistignârs di Cjabie.Ancje cui Catòrs di Rualp le veve a muart, parceche cavie a lavin di vite tun nuvičar e tun bal. Ti vevin ancje metude sù une bande cun tant di tronbons e clarins e cuarnetis, la “Rinascente” e dute la scuare a ere sinpri di viač, massime in carnevâl e tes sagris.Un an, mi pâr dal ’48, ju vevin clamâz a sunà a Cjabie la dì de Madone di dicenbar, ai vot, fieste grande e grant scandul a balâ. Cuanche la “Rinascente” a rivà in paîs sunant a plene cane, pre Carli al mandà svelt il muini a sunâ lis cjanpanis di muart, pa l’anime, cuintri dai sunadôrs. No content ancjmò no, al mandà jù un articul pe Vite Catoliche là ch’al veve scrit, cul so solit don ch’al à di scrivi cence ofindi, che “i pifferi di Rivalpo vennero per suonare e furono suonati!”.Pôc dopo, la plèf di san Martin e restà scuvierte, midiant che pre Antoni di Sedan j veve parût di straložâ tai siei ajars. Si daviergè il concôrs, come di consuet.Cumò no si cjatares tant fassil un disponût a vignì a fâ il plevan achì, ma in chè volte nol ere afat partit di scartà, soredut par un curât di Cjabie. Chi and’ere sui 700 di lôr, conprendût Piedim e Rinc, cuanche lavie no trussavin i 400. A ere plèf, e lavie dome capelanie. E, il plui inpuartant, i predis di chi a vevin ancje la pae dal guvièr, che lavie nond’ere.Invoât di dutis chestis resons pastorâls e, salacôr, ancje assuefat e ingomeât dai Cjabeotz, pre Carli al pensà ben di metisi in terne par san Martin, che dopo e veve di sielgi la int un dai tre.La voghe che il curât di Cjabie al smicjave ‘e nestre plèf e rivà inmediato, pal Boscat, e tun lamp e fasè il gir dal pais. I fabricirs e i plui capàz de nestre si cjatarin cun tun pòs di Cjabeoz, ch’a cunfinavin cui tocs, e si passarin lis informazions tun stâli, jenfri un tai e chelâtri.“Nò us al cedaressin cun dut il cûr - a diserin i Cjabeoz - che no podin supuartâlu âtri, ma o vin masse colegance di sinpri cun chèi di Rualp par fâus un dispiet tant orent. S’al ere un àtri, j al ficjavin sù cence rimaric di sorte, ma vuâtris no. S’al tignarin nò, a glorie di Diu!”.I Rualpoz no vevin flât di ringrassâju pal pericul scjuvât e pe cussiense de int di Cjabie, che mai plui no varessin crodût, a viodiju, ch’an vessin tante. E a sielgerin il curât di Liussûl, pre Madeo.Cuanche pre Carli al vignì a savèle che lu vevin scarničât e disnigrât e ch’j vevin fat là in struc’ l’afâr, si discjadenà come no si ere mai discjadenât. Ce che no ur disè dome Diu lu sa. Al finì la predicje cussì, che si visin ancjimò:“Cjabeotàz, sočàz, ch’a mi veis metût a mâl te plèif di san Martin! Cjalaisi vuâtris, ve’, che, s’a netais la vuestre cragne, e rive jù fint a Latisane!”.Cemût si puedial mo no inpensâsi di predis dal gjenar?

Vista dall’altro.

Racconto da Sisto Zanier:

Commento in calce ad una lettera inviata da mio nonno Luigi Zanier, che lavorava in Austria, a mia nonna Lucia Leschiutta, riferendosi al mio papà che aveva, si e no, qualche anno.
In mancanza di una conoscenza della lingua friulana scritta, ma solo parlata, si nota lo sforzo di scrivere in un italiano a dir poco, maccheronico:

"Cuando venderai la sponga, comprerai al frutto cuelo che fa tirititinga tirititonga” ovvero: "Quando venderai il burro, comprerai per il bambino il giocattolo che scuotendolo riproduce il suono delle 'maracas’ ".

La frase in friulano avrebbe dovuto essere: "Cuant che tu vandarâs la spongie, tu comprarâs al frùt chel cal fâs tiritinghe e tirititonghe"

Scrivici

Facebook

Youtube

Richiesta Centro sociale

Sostienici

Il Circolo Culturale “Il Ferâl” è un’associazione senza finalità di lucro. I proventi delle manifestazioni e delle nostre iniziative vengono utilizzati all’interno della nostra comunità, per la manutenzione del Centro Sociale o per lavori di abbellimento e di pulizia del paese. Se volete darci un aiuto abbiamo predisposto un apposito canale di ricezione per eventuali donazioni.

Cabia.net © 2017